Come fare content marketing con Evernote

Content curation con Evernote

Ho spesso parlato di Evernote come strumento freemium utile a chi si occupa di content marketing o fa blogging perché consente di prendere velocemente appunti, raccogliere le idee e salvare i documenti in digitale da condividere con i diversi dispositivi desktop e mobile. Finora però non sono mai scesa nel dettaglio di “Come fare content marketing con Evernote“. Cercherò quindi di rimediare subito!

Il software e relativa applicazione sono disponibili in modalità freemium cioè in versione base gratuita con la possibità di passare a quella a pagamento, più completa di feature di gestione, amministrazione e protezione dati.
Evernote, dopo che ti sarai iscritto, ti invita immediatamente a scaricare anche l’applicazione sui tuoi dispositivi se ti sei iscritto da web altrimenti a sincronizzare la versione desktop, se lo hai fatto da mobile perché, anche se funziona in modalità offline ti consente di avere tutti i tuoi documenti sempre aggiornati.

Evernote-gestione taccuiniEvernote funziona secondo una gerarchia di taccuini con chiaro richiamo allo scrittore Ernest Hemingway che prendeva appunti su agende di viaggio tipo Moleskine.

Puoi creare infiniti taccuini in base all’area di competenza come: Personale, Amministrazione, Lavoro, Amici ecc., in cui raggruppare le tue note. Puoi cambiargli di nome personalizzando il titolo, eliminarli, condividerli, ma soprattutto impostare quello predefinito semplicemente cliccando su “i”, il tasto informazioni, nella parte alta della finestra.
Sarà quello che troverai sempre in primo piano per accedere più velocemente ai suoi contenuti.

Se hai tanti volumi di dati su uno stesso argomento, forse ti sarà utile creare una “pila” di taccuini (stack di taccuini), semplicemente trascinandoli uno sull’altro.

Evernote-Taccuini pile

 

 

AEvernote notenche le note possono essere create in un numero pressochè infinito e sono di solo testo, testo e immagini, solo immagini e persino redatte a mano libera

Per ciascuna puoi inserire un codice puntato o una check-list che potrai spuntare via via che avrai completato le varie attività.

Ad esempio, se sei un professionista e hai la necessità di salvare le fatture e le notule da inviare al tuo commercialista, puoi creare un taccuino “Spese/Incassi”, fotografare i documenti e salvarli su Evernote. Quando sarai pronto per condividerli potrai farlo via email inviando tutti gli allegati o tramite un Url. Comodo, no?

Evernote-reminders calendarPuoi creare una nota per la lista della spesa, una per ricordarti di un anniversario o di un appuntamento preso e, se ti senti romantico, persino scrivere una poesia con tanto di formattazione e immagini da condividere con il tuo fidanzato/a.

Inoltre, puoi impostare un alert che ti avvisi di una scadenza nel giorno e nell’ora prestabiliti.

 

Content marketing con Evernote

Hai mai sentito parlare dei contenuti che ottengono più successo in rete in fatto di ingaggio e condivisioni?

Evernote-contents listLe liste che contengono strumenti utili per svolgere una determinata attività sono sicuramente nei primi posti degli interessi dei tuoi lettori perché offrono tante risorse e aiutano a risolvere problemi!

Ebbene, a tal fine ho creato un taccuino dedicato alle “Risorse di web marketing online” in cui ho aggiunto alcune note che corrispondono a diverse categorie come “Tool Social Media Marketing”, “Tool Content SEO”, “Tool Social Buzz” e via dicendo.

Ogni volta che navigando trovo uno strumento interessante, lo inserisco nella relativa categoria annotondone in breve le caratteristiche così da ricordarmi in un secondo momento che cosa mi aveva colpito delle sue funzionalità.

Anche le immagini e i video hanno molta fortuna sul web e su Evernote puoi caricare, attraverso la creazione delle note, varie gallery che puoi suddividere per temi come: “ritratti”, “paesaggi”, “business”, “tecnologia”, ecc. o per fonti di reperimento dei contenuti.

Al tempo stesso puoi avvalerti dell’estensione Webclipper per catturare contenuti mentre navighi, semplicemente cliccando sull’icona dell’elefante (animale dotato di grande memoria) che è anche il logo di Evernote e che si installerà nell’angolo in alto del tuo browser.

Un altro modo per fare content marketing con Evernote è annotarmi i contenuti che voglio trattare nelle newsletter. In pratica, creo una nota per ogni futura pubblicazione e raccolgo al suo interno i materiali (immagini, testi, link). Può capitare che quanto abbia raccolto resti a livello di annotazione, altre volte scrivo per intero il messaggio della newsletter che non dovrò fare altro che riadattare all’interno del software di creazione e invio dei messaggi.

Questo ovviamente ha validità anche per i post del mio blog e per quelli che scrivo per conto terzi. Anche tu potrai preparare le bozze per gli articoli del tuo sito o blog da condividere, prima della pubblicazione, con i tuoi collaboratori o clienti attraverso le funzioni previste da Evernote.

Altre volte ho bisogno di annotarmi un pensiero prima che sfugga, poi mi rendo conto che potrei condividerlo sui miei profili social. Evernote pensa anche a questo. Puoi creare più note divise per social media come “Post Facebook”, “Post Twitter”, “Post Linkedin”, ad esempio, e annotare in ciascuna il messaggio. Dall’opzione in alto a destra “Condividi” potrai pubblicarlo immediatamente sul social network che hai scelto senza dover uscire dall’interfaccia di Evernote.

Oltre alla nota “Cose da fare” che aggiorno continuamente, ce n’è un’altra che tengo sempre aperta ed è quella che ho chiamato “Da leggere”. Qui è dove salvo i link agli articoli e alle notizie interessanti e a fonti che vorrei approfondire ma che non ho il tempo di fare sul momento. Più tardi riapro la nota, clicco sul link e dopo aver letto la notizia aggiorno la nota su Evernote.

Usi già questo strumento e vuoi condividere qualche altra funzione che non ho considerato? Fammelo sapere nei commenti.

 

Hai trovato interessante l’articolo? Condividilo sui social e iscriviti alle news (no spam, max 1 a settimana) attraverso il form qui sotto!

2 commenti

  1. cristina 23 aprile, 2016 Rispondi
    • Maura Cannaviello 24 aprile, 2016 Rispondi

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.