Airbnb cambia logo e incontra la community

Airbnb cambia logo

Ogni volta che un brand più o meno noto decide di cambiare l’immagine coordinata, o anche solo di rinnovarla, si scatena un gran polverone. Questa è la volta di Airbnb che presenta il nuovo logo e una nuova filosofia.

Il logo, i colori e le forme grafiche riconducibili a un’azienda hanno il potere di trasmettere, sia positivamente sia negativamente, determinati valori all’esterno. Commettere errori di valutazione in questo senso, può mettere a rischio l’immagine del marchio costruita in anni, è come presentarsi con un cattivo “biglietto da visita”. Nonostante questi fattori noti, ci sono invece molti esempi celebri di immagini coordinate sbagliate.

Airbnb vecchio logo

Airbnb vecchio logo

Airbnb, la piattaforma nata nel 2007 per trovare e offrire ospitalità in appartamenti tra privati, ha lanciato il rebrand: la nuova versione del sito, dell’app mobile e del nuovo logo. La prima osservazione è che, diversamente da altri marchi che hanno optato per un rebrand, Airbnb ha cambiato radicalmente l’idea iniziale dell’immagine coordinata, che era costituita dal nome del servizio scritto in corsivo, usando i colori bianco e azzurro.

Il sito, oltre ad essersi spinto verso una grafica piatta “flat” in uso frequente sul web in questi anni, cancellando gli oggetti grafici contenenti ombre ed effetti tridimensionali, ha dato molto più spazio alle immagini, che poi sono gli elementi che più contano quando si cerca un alloggio dove soggiornare all’estero o trascorrere le vacanze. Ora, immagini giganti occupano buona parte della pagina mentre in basso sono presenti le informazioni principali degli “host” sintetizzate attraverso alcune icone.

Airbnb nuovo logo

Airbnb nuovo logo

L’ultima osservazione si concentra proprio su “Bélo”, così è chiamato internamente il logo creato da uno studio di design di Londra, che rappresenta una “a” maiuscola (A di Arnbnb, ovviamente), simbolo anche usato sulle mappe per indicare ospitalità (Bélo da “belonging” = appartenere) o anche un cuore rovescito. Il logo si avvale di nuovi colori, non più azzurro e bianco ma bianco e rosso.

Intorno a questa novità la community online si sta già confrontando perché, se è evidente che il sito ha fatto un grosso passo avanti con il restyling grafico, la A tondeggiante può ricordare connotazioni sessuali, a boobs and a butt, detto all’americana.

Ma Airbnb ha fatto davvero un passo nel web 2.0, pensando proprio alla community, come dichiarato anche nella mail che dava la notizia del cambiamento:

Questo simbolo rappresenta le persone, i posti, l’amore e la vera anima di Airbnb. È talmente semplice e universale che chiunque potrebbe crearlo, in qualsiasi punto del mondo.

rappresenta le persone, i posti, l’amore e la vera anima di Airbnb. È talmente semplice e universale che chiunque potrebbe crearlo, in qualsiasi punto del mondo.

Infatti, ha pensato a un tool Create Airbnb per personalizzare Bélo, potendo aggiungere milioni di varianti grafiche e per condividerlo sui social, e dove ogni utente può raccontare una storia attraverso foto e racconti di viaggio. Così come raccontato nel loro messaggio:

Non si tratta solo di un nuovo look per la nostra azienda. È una nuova identità e ognuno di voi può creare la sua. Ma è soprattutto la rappresentazione di ciò che realmente significa sentirsi a casa ovunque.

 

Il video che presenta Bélo

Hai trovato interessante l’articolo? Condividilo sui social e iscriviti alle news (no spam, max 1 a settimana) attraverso il form qui sotto!

2 commenti

  1. Alessandro 10 settembre, 2015 Rispondi
    • Maura Cannaviello 14 settembre, 2015 Rispondi

Lascia un commento

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.