Piattaforme per vendere online: Gumroad vs Teachable

Piattaforme per vendere online un prodotto


Hai creato un ebook, un video corso, un’app o un tema di WordPress che desideri vendere online? Di certo avrai riscontrato subito alcune problematiche come quella di avere un e-shop dove mostrare e distribuire i tuoi prodotti, validare i pagamenti e fornire tutti i feedback successivi a una transazione online. Dovrai essere in grado di curare lo sviluppo del prodotto, ma anche tutta la parte di comunicazione e promozione che ne consegue.

Nelle prossime righe vediamo quali sono le possibilità per vendere prodotti su internet e ti introdurrò due soluzioni a confronto.

Per la vendita online puoi optare per soluzioni terze o proprietarie, in particolare sfruttando queste opzioni:

  • marketplace
  • CMS specifici per e-commerce
  • plugin da installare sul proprio CMS
  • piattaforme a noleggio come Gumroad e/o Teachable.

Vendere attraverso i marketplace

Per la vendita online puoi optare per soluzioni terze o proprietarie. I marketplace più noti sono senz’altro Amazon (ad esempio anche per la vendita di libri), Ebay ed Etsy, ma oggi sono tante le possibilità per inserire il tuo prodotto all’interno di una vetrina virtuale adibita alla compravendita di prodotti o servizi, che si occuperà al posto tuo di seguire l’aspetto promozione e supporto verso il cliente finale.

I pro di vendere tramite marketplace

Il tuo compito sarà quello di caricare sulla piattaforma il tuo contenuto, fornire una descrizione e tutte le tue informazioni riguardanti la biografia, il tuo logo e l’eventuale link al tuo sito.

Esempi di marketplace, oltre a quelli già citati, sono Udemy e Life learning, specifici per la vendita di corsi online. Ultimamente, anche Facebook ha voluto implementare la funzione Vetrina per le fan page, allo scopo di vendere direttamente dal social network.

Il marketplace ti solleverà dall’incombenza di una gestione totalizzante con il beneficio di avere una maggiore visibilità e diffusione, soprattutto se non sei un autore ancora troppo conosciuto.

I contro di vendere tramite marketplace

Sappi che la piattaforma che ospiterà la tua vetrina online avrà la facoltà di modificare il prezzo del tuo prodotto, applicando sconti a propria discrezione e trattenendosi una percentuale sulle vendite.
Inoltre, condividerai la “piazza” con altri autori, che potrebbero essere tuoi diretti competitor oppure offrire servizi totalmente diversi dal tuo sia per il contenuto sia per la qualità.

CMS specifici per e-commerce

Un altro sistema per vendere un prodotto online è scegliere un CMS adatto per fare e-commerce come Magento o avvalersi di servizi come Shopify e WooCommerce che possono essere installati sul proprio CMS tramite i relativi plugin. In questo modo, potrai caricare il prodotto direttamente sulla tua piattaforma e gestirne i pagamenti.

I pro di vendere tramite marketplace

Tolte le spese di hosting e del noleggio di plugin o CMS, tutti i guadagni saranno interamente tuoi e sarai indipendente nello scegliere la strategia di marketing e promozione per la tua vendita online.

I contro di vendere tramite marketplace

Sarai responsabile di tutta la gestione oltre che del corretto funzionamento del sito, infatti questa soluzione richiede sicuramente una conoscenza tecnica o di avvalersi di un esperto programmatore.

Vendere attraverso piattaforme a noleggio

In questo caso hai la possibilità di noleggiare mensilmente o annualmente uno spazio che potrai brandizzare con i tuoi loghi e la tua grafica. Sarai autonomo nella scelta di cosa e come pubblicare. Se vuoi potrai ospitare altri autori e rendere altri utenti affiliati al tuo prodotto/servizio per ottenere una maggiore visibilità nelle promozioni. La piattaforma, in base al piano di abbonamento che avrai scelto, si tratterrà una fee (percentuale) per ogni vendita.

La più nota è probabilmente Gumroad, piattaforma nata a San Francisco che ti consente di vendere o di mettere in pre-vendita un prodotto fisico o digitale. Qualunque sia la tua scelta, potrai creare gratuitamente il tuo profilo e la relativa pagina di vendita (salespage) per vendere direttamente dalla piattaforma.

Piattaforme per vendere online un prodotto_upload

Gumroad come funziona

Per ogni vendita, Gumroad ti tratterrà una fee pari all’8,5% del prezzo del tuo prodotto + 30 centesimi di dollaro nella versione gratuita mentre per quella premium, la fee richiesta è pari al 3,5% + $0.30 (USD).

Una volta creato il tuo profilo e stabilito che tipo di prodotto vendere, se fisico o virtuale, accertati di impostare correttamente la valuta e il fuso orario del paese in cui risiedi.
Successivamente, dovrai caricare un’immagine rappresentativa della tua offerta, commerciale, una descrizione e i file. Sono accettati tutti i principali formati come .pdf, .mp4, .mov, .mp3 e altro.

Puoi scegliere liberamente il prezzo oppure far decidere ai tuoi utenti attraverso un’asta.

Gumroad integrazioni

La potenza di Gumroad a mio avviso sta tutta qui. Infatti, ci sono decine di applicazioni, tra cui Mailchimp e Zapier con cui è possibile integrarlo.

Nel primo caso potrai far convergere gli acquirenti del tuo prodotto in vendita su Gumroad direttamente nella tua lista per l’invio di newsletter personalizzate.
Con Zapier, potresti decidere di attivare specifici flussi di comunicazione al verificarsi di un determinato evento (trigger) come l’iscrizione, l’acquisto o la cancellazione dalla tua lista.

Gumroad integrazione sul tuo sito

Puoi anche integrare Gumroad alle tue pagine web. Infatti, attraverso il codice “embed”, creato dalla piattaforma contestualmente con la creazione del tuo profilo, potrai vendere direttamente sul tuo sito tramite l’apertura di un pop up.

Dal tuo account su Gumroad hai accesso alle statistiche di vendita, agli utenti iscritti e a uno schema di workflow (flusso di lavoro) per gestire la comunicazione diretta con i tuoi clienti attraverso i messaggi di follow-up. Questa opzione è però attiva solo per i profili a pagamento.

Piattaforme-per-vendere-online-un-prodotto_stats

Gumroad affiliazioni

Ci sarebbe poi la possibilità di attivare un piano di affiliazione dove rendere disponibile il tuo prodotto o servizio per la vendita attraverso terzi. In questo caso, puoi decidere tu la percentuale che verrà scalata dal tuo compenso una volta effettuata la vendita. Ai tuoi affiliati potrai assegnare un link di affiliazione che dovranno utilizzare per promuovere i tuoi prodotti.

Promuovere su Gumroad

Gumroad creerà un link che potrai condividere tramite la tua newsletter o sui tuoi canali social per presentare il tuo prodotto in vendita. A proposito di newsletter, un’idea è quella di creare una campagna di email marketing post vendita per incentivare un secondo acquisto del tuo corso o del tuo ebook, come dal funnel suggerito dalla piattaforma di marketing automation, Drip.

Piattaforme-per-vendere-online-un-prodotto_drip-campagna

Teachable come funziona

Oltre a Gumroad, voglio segnalarti la piattaforma Teachable, che è anche quella che ospita i miei corsi di web marketing. Questo servizio è nato nel 2013 ma è stato lanciato ufficialmente nel 2016 e oggi conta più di centomila content creator nel mondo che hanno guadagnato complessivamente oltre cinquecento milioni di dollari.

Puoi iscriverti gratuitamente alla piattaforma e distribuire gratis o a pagamento i tuoi corsi e prodotti digitali, con un limite di dieci studenti iscritti alla tua scuola. Per ogni vendita Teachable tratterrà una commissione di circa il 5% mentre nella versione premium, la fee richiesta scende intorno al 2%. Qui hai il dettaglio dei piani professionali previsti.

Dopo che avrai creato il tuo corso potrai stabilire se farlo fruire in streaming e/o in download oltre alla modalità di pagamento che potrà essere una tantum, dilazionata o in abbonamento.
Puoi caricare tutti i principali formati come .pdf, .mp4, .mov, .mp3 e altro e scegliere liberamente il prezzo con o senza IVA del tuo prodotto.

Teachable ti consente di attivare dei link-referral gestendo degli affiliati e di decidere se la tua scuola debba avere più co-autori per i corsi. Inoltre, puoi attivare dei quiz a supporto delle lezioni.

Se vuoi sapere più nel dettaglio come funziona, consulta la guida su Teachable che ho preparato.

Gumroad verso Teachable

Premetto che ho provato entrambe le piattaforme prima di preferire Teachable per la mia WMAcademy che utilizzo sin dal 2016 e nelle prossime righe ti motiverò i perché di questa scelta.

Teachable, a differenza di Gumroad, è pensato per chi vuole avviare una “scuola online”, fornendo un’esperienza di community agli iscritti.

Ogni studente, una volta creato il proprio profilo, potrà accedere e modificare le proprie impostazioni amministrative e di pagamento, controllare l’avanzamento delle lezioni fruite, gli eventuali certificati conseguiti, lasciare commenti all’autore dei corsi e/o rispondere a quelli degli altri, partecipare ai quiz e altro ancora.

I pro di Gumroad

Gumroad ti consente sia nella versione gratuita sia in quella a pagamento di essere online con la tua “idea imprenditoriale” in modo molto veloce perché le opzioni di personalizzazione sono poche e finalizzate alla pubblicazione di un prodotto digitale.

I contro di Gumroad

I pro di Gumroad sono in parte anche i suoi contro, infatti, la piattaforma a noleggio per vendere online presenta una limitata personalizzazione della grafica e dell’account. Ad esempio, ti sarà difficile integrare questo spazio con un tuo sito o blog già esistente e per questo accrescerne la notorierà del brand.

I pro di Teachable

La piattaforma si presta di più al concetto di scuola o academy sia per le opzioni di interazione previste tra studenti e autori sia per le possibilità di dare certificazioni, fare quiz, monitorare l’avanzamento delle lezioni e personalizzare il visualizzatore di fruizione ponendo il segnalibro o regolando la velocità e il formato del video.

In più, a livello fiscale, Teachable mi è sembrato più duttile rispetto a Gumroad la cui gestione dell’IVA è piuttosto limitata.

E i contro di Teachable?

In questi anni mi sono sempre trovata bene e non ho riscontrato malfunzionamenti neanche nella versione beta del servizio. L’assistenza che comunque è in inglese proprio come per Gumroad, è sempre stata solerte quando ne ho avuto bisogno.

Aggiungo che, a livello di diritti di autore come content creator, Teachable mi ha tutelato più di Gumroad in un caso di “pirataggio” di un mio corso.

Vuoi imparare a usare Teachable per vendere online? Scopri il corso!

Hai provato altre piattaforme per la vendita su internet di un prodotto? Lasciami un commento con la tua esperienza oppure una domanda se ne hai.

16 commenti

  1. Antonello 16 Maggio, 2017 Rispondi
    • Maura Cannaviello 16 Maggio, 2017 Rispondi
      • Stefano 9 Luglio, 2017 Rispondi
  2. Stefano 11 Giugno, 2017 Rispondi
    • Maura Cannaviello 12 Giugno, 2017 Rispondi
  3. Stefano 12 Giugno, 2017 Rispondi
  4. Stefano 12 Giugno, 2017 Rispondi
  5. Gianni 2 Gennaio, 2018 Rispondi
    • Maura Cannaviello 3 Gennaio, 2018 Rispondi
  6. marco 7 Gennaio, 2018 Rispondi
  7. annalisa 6 Marzo, 2019 Rispondi
  8. Marco 21 Febbraio, 2020 Rispondi
    • Maura Cannaviello 22 Febbraio, 2020 Rispondi

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.